Primi attacchi atlantici all’estate mediterranea.

Già da alcuni giorni ci siamo accorti che qualcosa sta cambiando nella macchina del tempo. Ad esempio ci stiamo accorgendo sempre di più dell’accorciamento della durata del dì e del fatto che il sole, al suo passaggio al meridiano ogni giorno appare sempre un poco più basso del giorno precedente.

Ma il cambiamento maggiore lo possiamo notare a livello dei modelli meteorologici, che giorno dopo giorno, ci mostrano un abbassamento di latitudine delle traiettorie delle perturbazioni atlantiche, tanto che, ormai, la coda di alcune di esse supera le Alpi e riesce a penetrare nella pianura padana.

E proprio una di queste tenterà di rovinarci la settimana di ferragosto, senza per altro, riuscirci pienamente.

Ecco la situazione in quota prevista per oggi , domenica 12: il nord Italia risulta ancora parzialmente protetto dall’alta pressione, ma la saccatura posta sull’Irlanda e Gran Bretagna, nel suo spostamento verso est, nei prossimi giorni arriverà a lambire il bacino del mediterraneo.

Associata ad essa vi sono diverse perturbazioni atlantiche, le cui code condizioneranno il tempo  dei prossimi giorni.

Nella giornata di martedì 14

la saccatura avrà ormai raggiunto il Mediterraneo ed in particolare l’Italia settentrionale.

La coda del fronte freddo ad essa associata, causerà, nella serata di lunedì e nella mattinata di martedì,  la formazione di linee temporalesche, alcune anche parecchio intense, in spostamento nella pianura padana da ovest verso est.

Il giorno di ferragosto invece,

lo spostamento veloce della saccatura verso sudest e l’espansione momentanea dell’alta pressione verso il nord Italia, dovrebbe regalarsi una bella giornata di sole con le temperature in ripresa.

Notare come nella situazione al suolo i modelli mostrino la coda del fronte freddo, ormai in disfacimento, bloccata al di là delle Alpi, mentre le linee di instabilità abbiano raggiunto il sud Italia e la penisola balcanica.

Anche per il giorno successivo, giovedì 16,potremo aspettarci sole e bel tempo. Il fine settimana invece rimane ancora incerto, come possiamo vedere dal solito grafico “a spaghetti”,

che ci avvisa della scarsa stabilità dei modelli (cerchio giallo) per il prossimo week end. Ne riparleremo nella prossima analisi,

 

 


Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

Permanent link to this article: http://www.meteolodi.net/2018/08/12/primi-attacchi-atlantici-allestate-mediterranea/